MADRE CABRINI

La suora con la valigia

La suora con la valigia

Il suo simbolo sarebbe una valigia: lo sanno bene le suore dell’istituto da lei fondato proprio 136 anni fa, che hanno esposto la sua valigia di pelle sciupata da mille viaggi nel museo che le hanno dedicato, nella casa madre di Codogno. Perché di viaggi ne ha fatti proprio tanti questa fragile ma determinata donna lombarda che

continua

Una vita controcorrente

Una vita controcorrente

Da “L’Osservatore Romano” del 22 dicembre 2015 Il 22 dicembre 1917 moriva a Chicago madre Francesca Cabrini Una vita controcorrente   Se tutti i santi hanno fatto della loro vita un esercizio mirabile di opere di misericordia, senza dubbio la vita di Francesca Cabrini, morta novantotto anni fa, il 22 dicembre, a Chicago, ci appare oggi un

continua

Cercherò una Casa

Cercherò una Casa

Francesca Cabrini pronunciò la simbolica frase: “Cercherò una Casa”, un giorno di Novembre del 1880, quando dopo anni di attesa per realizzare il suo sogno missionario, il Vescovo di Lodi, Mons. Domenico Gelmini le chiese di fondare lei stessa una Congregazione Missionaria. La Casa che Francesca cercò e trovò fu appunto il vecchio Convento Francescano attiguo alla

continua

Una donna cristiana sulle rotte della missione

Da “L’Osservatore Romano” del 22 dicembre 2011 – Una donna cristiana sulle rotte della missione. Madre Francesca Saverio Cabrini e la fiducia incrollabile nel Sacro Cuore di Gesù. di MARIA BARBAGALLO* Il 19 marzo 1889, meno di nove anni dopo la fondazione dell’istituto delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù, madre Francesca Saverio Cabrini partiva per gli

continua

Santa Francesca Cabrini e l’EXPO di ieri e di oggi

“Nell’EXPO che si tenne dal 28 aprile all’11 novembre del 1906 a Milano, si celebravano i successi dell’industria italiana proiettata verso l’Europa e il mondo, mostrando un’immagine nuova, moderna e di un’Italia che cresceva, proiettata verso il futuro di cui il traforo ferroviario del Sempione era uno dei simboli più lampanti.” Così si legge nella storia dell’EXPO

continua